Cambio di stagione, stanchezza e sonnolenza: i rimedi per ritrovare l'energia

Cambio di stagione, stanchezza e sonnolenza: i rimedi per ritrovare l'energia

Cambio di stagione, stanchezza e sonnolenza

Man mano che i giorni si accorciano e le notti si allungano, l’orologio biologico potrebbe risentirne, per la maggior parte delle persone questo cambiamento è impercettibile poiché il corpo impara a regolare e reimpostare il proprio orologio interno, per altre invece, i cambiamenti nei livelli di serotonina e melatonina finiscono con l’influenzare il sonno e l'umore. Il risultato è una crisi stagionale che, se non trattata, può portare a incupirsi. Cambio di stagione, stanchezza e sonnolenza, rimedi per affrontare l’arrivo della stagione invernale con il sorriso sulle labbra e la serenità nel cuore!

Cambio di stagione e sonnolenza

Quando la quantità di luce del giorno cambia da una stagione all'altra, i ritmi biologici possono alterarsi causando disturbi del sonno. Tutti hanno sperimentato almeno una volta nella vita l’insonnia, alcune persone invece sperimentano una eccessiva sonnolenza, una difficoltà a rimanere svegli durante il giorno insieme a una generale mancanza di energia, problemi di concentrazione e spesso anche problemi di memoria.

La causa comune, in primavera come in autunno, è la variazione della luce naturale che influisce direttamente sulla produzione di melatonina. Anche il cambiamento del clima, e quindi una minore esposizione al sole e una minore quantità di vitamina D, influisce sulla produzione di serotonina. Bassi livelli di serotonina sono collegati a stanchezza e depressione.

Cambio di stagione: sintomi fisici

  • Sensazione di abbattimento e depressione per la maggior parte della giornata
  • Calo di energia
  • Problemi di sonno (dormire o troppo o soffrire di insonnia)
  • Calo o aumento dell’appetito
  • Senso di agitazione e difficoltà a concentrarsi

Lfp Multivit compresse effervescenti, integratore alimentare multivitaminico, con vitamine C, del gruppo B (B1, B2, B3, B5, B6, B12) e oligominerali (ferro, magnesio, rame, iodio), e acido folico che contribuisce alla riduzione della stanchezza e dell'affaticamento.

Lfp ricarica Plus, integratore alimentare a base di Creatina, Glutammina e Leucina, migliora la forza fisica e rafforza il sistema immunitario.

Cambio di stagione: cosa prendere?

Mangiare bene in maniera equilibrata deve essere un’abitudine costante, dopo l’estate è bene non dimenticare le buone abitudini fatte di pasti leggeri e tanta frutta e abusare invece di cibi ricchi di grassi o eccessivamente lavorati. Limitare il pane bianco, il riso bianco e lo zucchero, che sono a basso contenuto di sostanze nutritive e preferire una dieta con cereali integrali, molta frutta e verdura e almeno un litro e mezzo di acqua al giorno. Anche un integratore vitaminico può essere utile, Sustenium Immuno a base di Vitamine del gruppo B, Acido pantotenico, Vitamina PP e Vitamina C, con Rame, Zinco, Manganese, Glutammina e Glicina, aiuta il regolare metabolismo energetico. Grazie al contributo di Zinco, Rame e delle Vitamine C, B6 e B12, il prodotto supporta il normale funzionamento del sistema immunitario.

Cambio di stagione, integratori per la stanchezza

Pappa reale, rosa canina è adatto a tutti, dai bambini agli anziani. La pappa reale fresca è particolarmente nutriente e benefica, spesso viene usata per combattere per lo stress e rafforzare il sistema immunitario facilitando il metabolismo dei grassi. La pappa reale è ricca di glucosio, proteine, minerali e vitamine del gruppo B, la rosa canina è ricca di vitamina C.

Stanchezza da cambio di stagione: rimedi

Il modo migliore per prevenire i disturbi legati ai cambi di stagione è agire presto, senza lasciarsi andare ai sintomi che rischiano di cronicizzarsi. Ecco alcuni semplici modi per adattarsi alle stagioni, riallineare l’orologio biologico e a sentirsi al meglio.

Come combattere la stanchezza nel cambio di stagione?

  • Esercizio fisico, un allenamento quotidiano è salutare tutto l’anno, stimola la produzione degli ormoni del buon umore che aiutano a sviluppare un atteggiamento positivo e aumentano i livelli di energia. Meglio evitare l’ora di cena, quando è tempo di andare a dormire, perché può invece contribuire all’insonnia.
  • Limitare la caffeina che contribuisce a creare problemi in caso di insonnia, meglio bere tisane oppure caffè decaffeinato.
  • Evitare l’alcol che potrebbe naturalmente peggiorare l’umore piuttosto che migliorarlo, inoltre non facilita un sonno continuativo e sereno ma predispone a frequenti risvegli notturni.
  • Stare all’aria aperta, la mancanza della luce spinge il cervello a produrre melatonina che fa venire sonno. Uscire per una passeggiata anche ad ora di pranzo e cercare di far entrare luce e aria sia in casa che al lavoro darà risultati insperati.

Fonti: NHS

Image by PublicDomainPictures from Pixabay

Articolo pubblicato da Davide Carraturo